Cresce l’attesa per un derby dal sapore storico: questa sera, alle ore 20.30, Crema e Pergolettese si affronteranno dopo più di 40 anni nei trentaduesimi di Coppa Italia. Città in festa e stadio “Voltino” verso il pienone, venduti oltre 1.700 biglietti fino a ieri. La Gazzetta dello Sport dedica una pagina a questo evento di cui si riporta un estratto.

 “La Gazzetta dello Sport”, mercoledì 4 ottobre 2017, articoli di Guglielmo Longhi e Daniele Redaelli

Stasera la tribuna dello stadio Voltini si trasformerà in una macchina del tempo. In campo Crema e Pergolettese daranno di nuovo vita al derby dopo 42 anni e mezzo. In tribuna tanti coi capelli bianchi finiranno per forza a ricordare episodi di gioventù. O magari godranno nel raccontarlo ai nipoti. […]
Si tratta dei trentaduesimi di Coppa Italia, partita secca, anticipo della doppia sfida di campionato. Nel paese dei campanili anche questa è una piccola grande storia da raccontare.

I CANNIBALI – Si chiamano così i tifosi della Pergolettese, soprannome inventato nel 1965 da Carlo Mariani, insegnante e dirigente della squadra rivale. Cannibali perché cattivi? Ma no, la spiegazione si è persa col tempo, ma non sembrano esserci riscontri oggettivi perché i derby non sono mai sfociati nella violenza. […]

I CREMINI – Si chiamano così i tifosi del Crema: soprannome vagamente ironico. L’avvocato mario palmieri si può considerare il leader del popolo bianconero e ricorda con fierezza che la loro «è la prima e vera squadra della città, ci siamo dal lontano 1908» […]

La storia di questi 16 derby (perfetta parità: 4 vittorie e 13 gol a testa) si nutre di sfottò e sani dispetti. […] C’è grande attesa, se ne parla da settimane, da quando è uscito il calendario di Coppa Italia.

RICORDI DI UN EX (intervista di lu.gar.) – Giacomo Ferri è tornato dopo una quarantina d’anni, proprio come il derby. Lasciò la natale Crema nel ’76, a 17 anni, per sbarcare al Torino, di cui divenne colonna e bandiera, e ci è tornato in estate come responsabile del settore giovanile del Crema.

Ferri, li ha fatto in tempo a giocare uno degli ultimi derby di crema prima del lungo intervallo. Ricordi?
«Ricordo un’emozione così forte che non mi viene neppure in mente il risultato… Ero un ragazzino di 16 anni e attorno a me vedevo compagni di squadra che ne avevano 31,32 e magari avevano giocato in B. la quarta serie di allora valeva la C di oggi»

Immaginiamo che lo stadio non fosse tiepido…
«Eh no, Al Voltini c’erano almeno duemila persone. Una bolgia»

Il derby di Crema è tornato.
«E io sarò in tribuna. L’altra sera in pizzeria con i miei ragazzi non si parlava d’altro…»